X

INFORMATIVA

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

17-11-2017Regione Lazio - 8 novembre 2017
Avviso pubblico di manifestazione di interesse per l’individuazione di un patrimonio immobiliare solidale da destinare alle finalità della Legge n.112 del 22 giugno 2016 “ Disposizioni in materia di assistenza in favore delle persone con disabilità grave prive del sostegno familiare e del Decreto Interministeriale di attuazione del 28 novembre 2016. (Trust pag. 8)
17-11-2017Tribunale Siena - 10 novembre 2017
Il professionista che abbia consigliato di far acquistare un complesso immobiliare direttamente dal trustee, erroneamente ritenendo di poter invocare le agevolazioni fiscali in tema di determinazione della base imponibile, non risponde dei danni lamentati dal disponente-trustee, poiché le suddette agevolazioni non sarebbero comunque state applicabili per via della destinazione ad attività commerciale del bene confluito in trust.
disponibile in area riservata
17-11-2017Tribunale Ascoli Piceno - 8 novembre 2017
È inammissibile la domanda revocatoria esperita avverso l’istituzione di un trust autodichiarato in quanto il creditore chiede sia dichiarato inefficace soltanto l’atto tramite cui il disponente-trustee acquista i beni oggetto del trust e non anche l’atto istitutivo.
disponibile in area riservata
17-11-2017Corte d’Appello di Milano - 7 novembre 2017 
La clausola di proroga della giurisdizione contenuta nell’atto istitutivo di trust non vincola i soggetti che si trovino in una posizione di terzietà ed estraneità rispetto al trust, come il condominio creditore del disponente-trustee. Il trust autodichiarato istituito allo scopo di proteggere legittimamente i beni del disponente da illecite vessazioni economiche e avente quale beneficiario principale il disponente stesso e quale beneficiario del residuo un ente del terzo settore persegue l’illecito scopo di mantenere in capo al disponente-trustee la piena disponibilità dei beni al fine di sottrarli alle pretese dei suoi creditori e quindi è nullo.
disponibile in area riservata
17-11-2017Tribunale Genova - 7 novembre 2017
I beneficiari che non siano parti dell’atto istitutivo non sono litisconsorti necessari nel giudizio per la revocatoria del conferimento in trust. È revocabile ex art. 2901 cod. civ. il conferimento di beni immobili in un trust familiare posto in essere dai disponenti, fideiussori di una s.p.a. nei confronti dei creditori agenti in revocatoria, successivamente al rilascio delle fideiussioni, sussistendo l’eventus damni per avere i disponenti conferito in trust tutti i propri beni immobili e desumendosi la scientia damni in capo ai disponenti, requisito soggettivo richiesto in considerazione della natura gratuita di tale trust, dalla circostanza che costoro erano soci della società debitrice principale e perciò conoscevano lo stato di insolvenza in cui essa versava (poche settimane dopo l’istituzione del trust la società depositava domanda di concordato preventivo.
disponibile in area riservata
17-11-2017Tribunale Modena - 6 novembre 2017
La clausola di proroga della giurisdizione in favore del giudice sammarinese contenuta nell’atto istitutivo del trust è opponibile ai terzi che agiscano per la dichiarazione di nullità dell’atto istitutivo medesimo o per la revocatoria del conferimento in trust.
disponibile in area riservata
17-11-2017Corte Suprema di Cassazione, VI sezione penale n. 50196 - 3 novembre 2017 
Risponde di mancata esecuzione dolosa di un provvedimento del giudice il soggetto condannato per truffa che, al fine di sottrarsi agli obblighi risarcitori derivanti dal reato, successivamente alla proposizione della querela istituisce un trust autodichiarato su tutti i propri beni immobili e successivamente stipula in qualità di trustee un contratto preliminare di compravendita avente ad oggetto tali beni con una società a lui riconducibile, in quanto trattasi di atti simulati diretti ad impedire l’aggressione del proprio patrimonio personale da parte dei creditori.
disponibile in area riservata
16-11-2017Tribunale Firenze - 2 novembre 2017
La sostituzione del trustee in corso di causa determina l’applicazione dell’art. 111 c.p.c. e pertanto il processo prosegue tra le parti originarie. Avvenuto il trasferimento della proprietà di un immobile condominiale in capo al trustee, è questi il legittimato passivo nel giudizio di opposizione al decreto ingiuntivo ottenuto dal condominio per il pagamento degli oneri condominiali.
disponibile in area riservata
16-11-2017Tribunale Vicenza - 27 ottobre 2017
I beneficiari finali non sono litisconsorti necessari nel giudizio per la revocatoria del conferimento in trust qualora l’assegnazione del fondo in trust in loro favore sia meramente eventuale ed incerta. Il trust istituito al fine di far fronte alle necessità di vita dei disponenti ed alle emergenze derivanti da malattia fisica o psichica che possano colpire i disponenti stessi ed i componenti del loro nucleo familiare persegue interessi leciti e meritevoli di tutela. È revocabile ex art. 2901 cod. civ. il conferimento di beni immobili in un trust familiare posto in essere dai disponenti, fideiussori di una s.r.l. verso la banca creditrice agente in revocatoria, successivamente al rilascio delle fideiussioni, sussistendo l’eventus damni per avere i disponenti conferito in trust il proprio intero compendio immobiliare e non avere allegato né dimostrato l’esistenza di un patrimonio residuo in grado di soddisfare le ragioni della banca attrice e desumendosi la scientia damni in capo ai disponenti, requisito soggettivo richiesto in considerazione della natura gratuita di tale trust, da una serie di elementi, quali l’essere i disponenti soci ed amministratori della società debitrice principale e l’essersi i disponenti stessi riservati il diritto di usufrutto e di abitazione su alcuni degli immobili conferiti in trust.
disponibile in area riservata
30-10-2017Tribunale Milano - 19 ottobre 2017
I beneficiari di un trust familiare non sono litisconsorti necessari nel giudizio per la revocatoria del conferimento in trust, in quanto la loro nomina non ha alcun carattere di definitività, essendosi il disponente riservato il potere di aggiungere e revocare i beneficiari. Sono revocabili ex art. 2901 cod. civ. i conferimenti di beni immobili in tre trust familiari posti in essere dai rispettivi disponenti, fideiussori di una s.p.a. nei confronti della banca creditrice agente in revocatoria, successivamente all'assunzione della fideiussione, desumendosi la scientia damni in capo ai disponenti, requisito soggettivo richiesto in considerazione della natura gratuita di tale trust, dalla circostanza che costoro erano soci (e uno di essi anche amministratore e poi liquidatore) della società debitrice principale, poi fallita.
disponibile in area riservata
30-10-2017Tribunale Sassari - 17 ottobre 2017
È revocabile ex art. 2901 cod. civ. il conferimento in trust posto in essere dai disponenti, fideiussori di una s.r.l. verso la banca creditrice agente in revocatoria, successivamente all'assunzione della fideiussione, sussistendo l'eventus damni per avere i disponenti conferito in trust il proprio intero patrimonio immobiliare e desumendosi in re ipsa la scientia damni in capo ai disponenti, requisito soggettivo richiesto in considerazione della natura gratuita del trust.
disponibile in area riservata
30-10-2017Tribunale Roma, decreto Giudice Tutelare - 10 ottobre 2017
Il Giudice Tutelare, a seguito di istanza dell’amministratore di sostegno alla quale era allegato il testo dell’istituendo trust, ha autorizzato lo stesso amministratore ad istituire un Trust a vantaggio esclusivo del soggetto amministrato. Il Beneficiario della procedura è una persona disabile grave, già proprietario di un immobile e il Trust ha la finalità di programmare il Dopo di Noi, legge di recente introduzione alla quale nel ricorso l’Amministratore di Sostegno, madre dell’amministrato, si è espressamente richiamata. Il Giudice Tutelare ha autorizzato sulla scorta del riconoscimento del trust quale istituto compatibile con il nostro ordinamento e della specifica meritevolezza degli interessi perseguiti nel Trust per soggetti con disabilità.
disponibile in area riservata
17-10-2017Commissione Tributaria Provinciale Milano - 5 ottobre 2017
L’avviso di rettifica e liquidazione notificato al trust deve essere annullato, in quanto il trust non costituisce un soggetto giuridico dotato di propria personalità ed è quindi carente di legittimazione passiva.
disponibile in area riservata
16-10-2017Tribunale Bologna - 7 settembre 2017
(in De Jure) È revocabile ex art. 2901 cod. civ. il conferimento in un trust familiare posto in essere dai disponenti, fideiussori di una s.p.a. nei confronti delle banche creditrici agenti in revocatoria, successivamente al rilascio delle fideiussioni, sussistendo l’eventus damni in quanto i disponenti non hanno dimostrato di essere titolari di beni idonei a costituire adeguata garanzia delle ragioni creditorie e l’atto istitutivo attribuisce alle banche attrici una mera aspettativa sul ricavato della liquidazione dei beni in trust e desumendosi la scientia damni in capo ai disponenti, requisito soggettivo richiesto in considerazione della natura gratuita di tale trust, dalla circostanza che costoro erano soci e detenevano cariche gestorie all'interno della società debitrice principale.
disponibile in area riservata
15-10-2017Commissione Tributaria Regionale Lombardia - 28 agosto 2017
(in MEF) Il conferimento della massa fallimentare in un trust avente la finalità di escutere i debitori del fallimento e soddisfare i suoi creditori cercando di ridurre i tempi e i costi della procedura sconta l’imposta proporzionale sulle successioni e donazioni, dovuta al momento della segregazione del patrimonio. La successiva devoluzione ai beneficiari non realizzerà un ulteriore presupposto impositivo ai fini dell’imposta sulle successioni e donazioni.
disponibile in area riservata
Altre pagine:
18-12-2017Convocazione Assemblea dei soci
13-11-2017Ad un anno dal «Dopo di noi» il primo via libera di un giudice ad un «trust»
Corriere della Sera, Invisibli - lunedì 13 novembre 2017
09-11-2017Solo il «trustee» partecipa al giudizio di revoca del trust
Il Sole 24 Ore - giovedì 9 novembre 2017
05-11-2017Paradise Papers, offshore anche investimenti della regina Elisabetta
Il Messaggero -  domenica 5 novembre 2017
05-11-2017La dinasty dei Crociani, lo scandalo Lockheed e quel trust alle Mauritius
Il Sole 24 Ore - domenica 5 novembre 2017
02-11-2017Tra questione etica e controllo societario, Morneau nel mirino
Corriere Canadese - giovedì 2 novembre 2017
28-10-2017Nessuna evasione milionaria, il tribunale assolve i Giacomini
La Stampa - sabato 28 ottobre 2017
27-10-2017Siglato un protocollo di intesa tra la D.N.A.A. e la D.I.A. in materia di antiriciclaggio
Agen Press - venerdì 27 ottobre 2017
27-10-2017Scambio di informazioni più efficace: rafforzato il «patto» antiriciclaggio
Il Sole 24 Ore - venerdì 27 ottobre 2017
19-10-2017Il creditore può superare il vincolo di destinazione
Il Sole 24 Ore - giovedì 19 ottobre 2017
19-10-2017Antiriciclaggio, previsti nuovi poteri di indagine in materia finanziaria
Il SOle 24 Ore - giovedì 19 ottobre 2017
19-10-2017Studio n.33 - 18 maggio 2017
La legge sul “Dopo di noi” e la fiscalità degli strumenti di destinazione patrimoniale
17-10-2017Crac Banca Etruria, immobili e locali nel patrimonio degli amministratori: rischio sequestro preventivo
Arezzo Notizie - martedì 17 ottobre 2017
06-10-2017Disabili: Telesca, importanti aspetti giuridici Dopo di Noi
Il Piccolo.it - venerdì 6 ottobre 2017
05-10-2017Sul "beneficiario effettivo" parola alla Corte Ue
Altre pagine: