X

INFORMATIVA

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

20-02-2017Corte d’Appello Milano - 30 gennaio 2017
Il giudizio demandato al notaio sulla meritevolezza della causa concreta del trust non può comprendere la valutazione di prevalenza dell’interesse del disponente su quello dei creditori, in quanto consiste in un controllo di legittimità tendente ad accertare che l’interesse dichiaratamente perseguito non sia contrario a norme imperative, all’ordine pubblico e al buon costume. I trust caratterizzati dalla parziale coincidenza soggettiva tra disponente e trustee, dall’avere quale beneficiario del reddito il disponente e quali beneficiari finali soggetti diversi, dall’assenza del guardiano o coincidenza di questi con il disponente o il trustee e dalla durata settantennale non risultano manifestamente in contrasto con la legge regolatrice (legge di Jersey) e con la Convenzione de L’Aja, né con norme imperative dell’ordinamento interno, il quale realizza l’equilibrio tra la tutela del credito e l’autonomia negoziale del debitore con l’azione revocatoria.
disponibile in area riservata
20-02-2017Commissione Tributaria Provinciale Milano n. 417 - 18 gennaio 2017
L’atto di conferimento di beni in trust è esente dall’imposta sulle successioni e donazioni e dalle imposte ipotecarie e catastali in misura proporzionale, non essendo immediatamente produttivo degli effetti traslativi finali in favore del beneficiario, i quali soli costituiscono il presupposto per l’imposizione. La pretesa tributaria diretta nei confronti del trust è soggettivamente illegittima, in quanto il trust non è obbligato a pagare le imposte indirette sui beni in esso conferiti.
disponibile in area riservata
20-02-2017Commissione Tributaria Provinciale Milano n. 418 - 18 gennaio 2017 
L’atto di conferimento di beni in trust è esente dall’imposta sulle successioni e donazioni e dalle imposte ipotecarie e catastali in misura proporzionale, non essendo immediatamente produttivo degli effetti traslativi finali in favore del beneficiario, i quali soli costituiscono il presupposto per l’imposizione. La pretesa tributaria diretta nei confronti del trust è soggettivamente illegittima, in quanto il trust non è obbligato a pagare le imposte indirette sui beni in esso conferiti.
disponibile in area riservata
20-02-2017Commissione Tributaria Regionale Milano - 13 dicembre 2016 
Il conferimento di beni in trust è esente dall’imposta sulle successioni e donazioni e sconta l’imposta ipotecaria e catastale in misura proporzionale.
disponibile in area riservata
20-02-2017Commissione Tributaria Provinciale Milano - 17 giugno 2016
La pretesa impositiva diretta nei confronti del trust è illegittima sul piano soggettivo, non realizzandosi in capo al trust il presupposto impositivo.
disponibile in area riservata
20-02-2017Commissione Tributaria Provinciale Milano - 12 aprile 2016
La pretesa impositiva diretta nei confronti del trust è illegittima sul piano soggettivo, non essendo il trust obbligato a pagare le imposte indirette sui beni in esso conferiti.
disponibile in area riservata
20-02-2017Commissione Tributaria Provinciale Milano - 19 gennaio 2016
La pretesa impositiva diretta nei confronti del trust è illegittima sul piano soggettivo, non essendo il trust un soggetto giuridico e non potendo quindi essere considerato il soggetto passivo delle imposte ipotecarie, catastali e di donazione.
disponibile in area riservata
20-02-2017Tribunale Monza - 19 maggio 2015

il trust liquidatorio istituito da una s.r.l. che vi ha conferito l’intero patrimonio societario attivo e passivo allo scopo di sostituire in toto la procedura liquidatoria e realizzare così con altri mezzi il risultato equivalente di recuperare l’attivo, pagare il passivo, ripartire il residuo e cancellare la società deve ritenersi lecito, considerato che la s.r.l. non versava in stato di insolvenza al momento dell’istituzione del trust e che a seguito del trust è stata effettivamente svolta attività liquidatoria. L’istituzione di tale trust non è revocabile ex art. 2901 cod. civ., non essendo oggetto di segregazione beni specifici sui quali la banca creditrice agente in revocatoria potrebbe soddisfarsi.

disponibile in area riservata
13-02-2017Tribunale Massa - 12 gennaio 2017
(in De Jure) Il trustee di un trust in cui viene conferito un bene immobile oggetto di precedente compravendita revocata ai sensi dell’art. 2901 cod. civ. non fa salvo il diritto acquistato su tale bene, in quanto il conferimento è avvenuto a titolo gratuito e la mala fede del trustee, intesa come consapevolezza del vizio di revocabilità della precedente compravendita immobiliare, è desumibile dai rapporti di parentela intercorrenti tra la disponente e lo stesso trustee, sorelle tra di loro e con il debitore, dall’essere l’immobile conferito in trust gravato dal diritto di abitazione in favore del debitore e dall’essere i beneficiari del trust individuati nei figli della disponente, nubile e senza prole.
disponibile in area riservata
13-02-2017Commissione Tributaria Regionale Napoli - 13 dicembre 2016
(in Leggi d’Italia) Costituisce abuso del diritto l’operazione consistente nell’istituire dei trust, conferire in essi delle sub-holding lussemburghesi e distribuire a quest’ultime i dividendi di una spa, poi fallita, in quanto mira esclusivamente ad evitare l’applicazione in capo ai beneficiari della ritenuta del 12,5% di cui all’art. 27, co. 1°, D.P.R. n. 600/1973.
disponibile in area riservata
13-02-2017Commissione Tributaria Provinciale Milano - 21 novembre 2016
(in Leggi d’Italia) La circostanza che una società sia conferita in un trust trasparente non è motivo ostativo all'ammissione della medesima società al consolidato fiscale mondiale.
disponibile in area riservata
13-02-2017Commissione Tributaria Regionale Milano - 14 novembre 2016
(in Leggi d’Italia) L'istituzione di un trust autodichiarato, il quale difetta di uno dei tratti tipici del trust, cioè del trasferimento a terzi da parte del disponente, determina la costituzione di un vincolo di destinazione ed è perciò soggetto all'imposta proporzionale di cui all'art. 2, co. 47, D.L. n. 262/2006, istituita direttamente sulla costituzione dei vincoli di destinazione e avente ad oggetto l'utilità della quale il disponente si impoverisce. L'avviso di liquidazione ben può essere notificato al trust, dovendo ritenersi la pretesa impositiva inequivocabilmente diretta nei confronti del trustee.
disponibile in area riservata
13-02-2017Commissione Tributaria Provinciale Treviso - 9 novembre 2016
(in Leggi d’Italia) È nullo il preavviso di iscrizione ipotecaria insistente su beni la cui nuda proprietà è stata conferita in trust, essendo pendente il giudizio di revocatoria del relativo atto di conferimento e anche se nel primo grado di tale giudizio è stata accolta la domanda dell’agente della riscossione, considerato che la sentenza che accoglie la domanda revocatoria ha natura costitutiva e in quanto tale non è suscettibile di produrre effetto prima del passaggio in giudicato.
disponibile in area riservata
13-02-2017Commissione Tributaria Regionale Firenze - 9 settembre 2016
(in MEF) Il conferimento di beni in un trust i cui beneficiari sono titolari di una posizione contingent è soggetto all’imposta sulle successioni e donazioni in misura proporzionale, in quanto il d.l. n. 262/2006 prevede l’applicazione dell’imposta sulle successioni e donazioni anche alla costituzione dei vincoli di destinazione e l’istituzione di un trust importa a tutti gli effetti la costituzione di un tale vincolo.
disponibile in area riservata
07-02-2017Corte d’Appello Milano - 24 gennaio 2017

I creditori e i soci di una s.a.s., beneficiari del trust liquidatorio istituito dalla medesima società, non sono legittimati passivi nel giudizio instaurato per sentir dichiarare la nullità di tale trust, in quanto non sono titolari di una posizione tale per cui possano avanzare pretese immediate sui beni segregati (c.d. vested). È nullo in quanto in frode ai creditori il trust liquidatorio istituito da una s.a.s. poiché manca di una clausola di retroversione dei beni sociali alla società nel caso di sopravvenuta insolvenza e l’atto istitutivo non esplica in cosa consista il valore aggiunto della segregazione rispetto al patrimonio sociale e a quello personale del socio accomandatario, limitandosi ad esemplificare la possibilità di porre in essere attività realizzabili dal liquidatore in via ordinaria.

disponibile in area riservata
Altre pagine:
28-02-2017

L’esame per l’ammissione al Registro dei Professionisti Accreditati si terrà nei giorni 27 e 28  febbraio 2017 presso la sede dell’Associazione in Roma, Via Antonio Bertoloni, 55.

Le sessioni di esame avranno inizio alle ore 14.00 e termineranno alle ore 18.00 del giorno 27 febbraio, proseguiranno il giorno 28 febbraio 2017 dalle ore 10.00 alle ore 14.00.


Domanda di partecipazione all’esame di ammissione

Regole per l’ammissione

18-02-2017Non c'è reato: assolti Tricoli e i fratelli Vrenna
Gazzetta del Sud - sabato 18 febbraio 2017
16-02-2017Ctr Roma: trust da tassare con l'imposta di donazione
Il Sole 24 Ore - giovedì 16 febbraio 2017
14-02-2017Con la voluntary 2.0 subito le liste degli espatriati
Il Sole 24 Ore - martedì 14 febbraio 2017
08-02-2017Dopo di noi, non serve il decreto: la norma è autoapplicativa
Superabile.it - mercoledì 8 febbraio 2017
06-02-2017Moneyval - 27 gennaio 2017
Pubblicato il rapporto Isola di Man,sulle misure adottate in materia di antiriciclaggio e lotta al finanziamento al terrorismo.
03-02-2017Trust, per il notaio sono sufficienti i controlli formali
Il Sole 24 Ore - venerdì 3 febbraio 2017
02-02-2017A Panta Rei il primo trust sociale in Italia
Italia che cambia - giovedì 2 febbraio 2017
26-01-2017Trustee e Guardiani professionali, istituito il Registro
Guida al Diritto - giovedì 26 gennaio 2016
26-01-2017Nasce il primo «trust» per le vittime di sisma
Il Sole 24 Ore - giovedì 26 gennaio 2017
20-01-2017Solo il 2% di tasse su centinaia di milioni: alle Cayman? No, in Canada
Il Sole 24 Ore - venerdì 20 gennaio 2017
19-01-2017Un trust ebreo fa causa a Deutsche Bank per 3 miliardi
Corriere del Ticino - giovedì 19 gennaio 2017
14-01-2017Wildenstein assolto per insufficienza di prove dall'accusa di frode fiscale
Il Sole 24 Ore - sabato 14 gennaio 2017
11-01-2017Donald Trump versione presidente: annuncia un trust ma attacca la Cnn
Corriere della Sera - mercoledì 11 gennaio 2017
31-12-2016Scambio dati anche sulle attività finanziarie in trust
Il Sole 24 Ore - sabato 31 dicembre 2016
Altre pagine: