CHIUSURA TEMPORANEA DELLA SEGRETERIA

In ragione del protrarsi della emergenza sanitaria la segreteria rimarrà chiusa fino al 13 aprile p.v. compreso. Per necessità può essere contattato il Segretario Generale, Avv. Gabriella La Torre al 328.4842632, oppure inviata una mail all’indirizzo info@il-trust-in-italia.it

04-04-2020Corte Suprema di Cassazione, II sezione penale n. 10649 - 25 marzo 2020
Qualora l’indagato per il riciclaggio di somme provenienti dalle fraudolente dichiarazioni ascritte al proprio coniuge – anch’esso indagato – conferisca beni immobili in un trust il cui fondo permane nella piena disponibilità di entrambi gli indagati, i beni del fondo in trust sono assoggettabili a sequestro preventivo per equivalente e il quantum sequestrabile si determina tenendo conto sia dei profitti derivanti dalle fraudolente dichiarazioni che di quelli derivanti dal riciclaggio.
disponibile in area riservata
04-04-2020Commissione Tributaria Regionale Lazio, Roma - 2 marzo 2020
(In Pluris) Il ritorno dei beni (la metà indivisa del diritto di usufrutto su un immobile) in trust in capo al disponente a seguito della cessazione del trust non può essere qualificato come acquisto dei beni stessi, rilevante per il decorso del termine quinquennale entro cui la cessione a titolo oneroso di tali beni realizza una plusvalenza ai sensi dell'art. 67, comma 1, lett. b) del TUIR, in quanto il vincolo di destinazione impresso dal trust ai beni non comporta un effetto traslativo in favore del trustee e alla cessazione del trust il cespite viene semplicemente reintestato al disponente
disponibile in area riservata
02-04-2020Commissione Tributaria Regionale Emilia Romagna, Bologna - 24 febbraio 2020
(In pluris) Il conferimento di beni in un trust familiare i cui beneficiari finali vedranno attribuirsi i beni eventualmente nel 2040 sconta le imposte ipocatastali in misura fissa ed è esente dall’imposta di donazione in quanto non realizza alcun effetto traslativo in favore dei beneficiari, ma soltanto un effetto segregativo di costituzione del vincolo sui beni conferiti.
disponibile in area riservata
01-04-2020Commissione Tributaria Regionale Lazio, Roma - 18 febbraio 2020
(In Pluris) L’istituzione di un trust familiare autodichiarato è esente dall’imposta di donazione in quanto non realizza il reale trasferimento di beni o diritti e quindi il reale arricchimento dei beneficiari, così che manca il presupposto impositivo della liberalità.
disponibile in area riservata
31-03-2020Commissione Tributaria Regionale Lombardia, Milano - 4 febbraio 2020
(In Pluris) Le somme che costituiscano i proventi derivanti dalla gestione di un trust di famiglia con sede nelle Isole Vergini britanniche e che da detto trust confluiscano periodicamente tramite bonifico sul conto corrente della beneficiaria residente in Italia sono imputabili in capo a costei e qualificabili come reddito da capitale ex art. 44, comma 1, lett. g-sexies del TUIR, in quanto la beneficiaria è specificamente individuata, potendo peraltro agire in giudizio per opporsi alle decisioni del trustee in merito alla distribuzione dei redditi e quindi anche ad un’eventuale mancata distribuzione a proprio favore. Non si ravvisa un fenomeno di doppia imposizione su tali somme poiché non risulta che esse siano state oggetto di imposizione nei confronti del trust nel Paese di origine.
disponibile in area riservata
30-03-2020Tribunale Vicenza - 19 marzo 2020

L’atto con cui il disponente-guardiano e il trustee risolvono il trust importa cessazione della materia del contendere nel giudizio instaurato per far dichiarare il trust nullo e, in via subordinata, ottenere la revoca ex art. 2901 cod. civ. del relativo conferimento.
È nullo il trust il cui trustee è eterodiretto dal disponente – non potendo il trustee fare nulla se non con il consenso del primo guardiano, coincidente con il disponente, e potendo il trustee essere revocato dal disponente in qualsiasi momento, anche in assenza di giusta causa – e il cui scopo è quello di limitare la responsabilità patrimoniale del disponente – essendo stata inserita nell’atto istitutivo la nomina dei figli quali beneficiari all’evidente scopo di far apparire il trust diretto a realizzare interessi meritevoli di tutela.
È revocabile ex art. 2901 cod. civ. il conferimento in siffatto trust, essendo palese che, anche alla luce del legame familiare esistente disponente e trustee, questi ultimi erano ben consapevoli del pregiudizio che con il trust arrecavano alle ragioni creditorie dell’attore.

disponibile in area riservata
30-03-2020Tribunale Milano - 19 marzo 2020
Il precetto notificato alla società che riveste l’ufficio di trustee senza qualificarla come trustee è efficace qualora la sentenza costituente il titolo esecutivo sia stata pronunciata nei confronti di detta società senza alcuna indicazione circa la sua qualità di trustee.
disponibile in area riservata
30-03-2020Corte Suprema di Cassazione, VI sezione civile, ordinanza n. 7003 - 11 marzo 2020
Il conferimento di beni in un trust i cui beneficiari siano gli stessi disponenti e il cui trustee abbia il potere di nominare ulteriori beneficiari sconta le imposte ipotecarie e catastali in misura fissa ed è esente dall’imposta di donazione in quanto importa un trasferimento al trustee limitato e temporaneo, verificandosi il trasferimento definitivo di ricchezza rilevante quale indice di capacità contributiva – in relazione alla cui manifestazione sono pretendibili le imposte proporzionali – solo al trasferimento finale al beneficiario.
disponibile in area riservata
30-03-2020Corte Suprema di Cassazione, VI sezione civile ordinanza n. 5766 - 3 marzo 2020

Il conferimento dell’intero patrimonio sociale di una s.r.l. in un trust liquidatorio – finalizzato a realizzare la liquidazione dell’attivo nell’interesse dei creditori e soci – sconta le imposte ipotecarie e catastali in misura fissa ed è esente dall’imposta di donazione in quanto non realizza un trasferimento definitivo di beni e diritti in favore del beneficiario, non essendo individuabili i reali beneficiari dell’operazione e non potendosi escludere un eventuale rientro dei beni in capo al disponente, come poi è avvenuto.
Lo scioglimento di siffatto trust e il ritorno dei beni nel patrimonio della s.r.l. disponente sconta le imposte ipotecarie e catastali in misura fissa ed è esente dall’imposta di donazione.

disponibile in area riservata
30-03-2020Corte Suprema di Cassazione, VI sezione civile n. 7442 - 25 febbraio 2020
(in Pluris) Sono suscettibili di sequestro conservativo i beni immobili che l’imputato di omicidio aggravato e maltrattamenti ai danni del coniuge abbia conferito in un trust aventi quali beneficiari i figli minori del coniuge (costituiti parti civili) in quanto tale trust è simulato, come dimostrato dall'assenza di concreti atti dispositivi in favore degli orfani beneficiari, combinata alla totale incapienza del patrimonio individuale dell'imputato.
 
disponibile in area riservata
30-03-2020Corte Suprema di Cassazione, VI sezione civile ordinanza n. 4163 - 19 febbraio 2020
(in Pluris) Il conferimento di beni in un trust familiare non realizza un immediato trasferimento definitivo di beni e diritti ai beneficiari e dunque sconta le imposte ipotecarie e catastali in misura fissa e va esente dall’imposta di successione e donazione.
disponibile in area riservata
30-03-2020Corte d'Appello Milano - 18 febbraio 2020
Qualora il coniuge partecipi al trust istituito dal de cuius, conferendovi il proprio usufrutto del complesso immobiliare di famiglia, si intende che egli abbia accettato l’assetto di interessi venutosi a determinare per volontà del defunto e dunque rinunciato implicitamente all’azione di riduzione.
disponibile in area riservata
23-03-2020Tribunale Catania - 17 febbraio 2020

La duplice circostanza che il coniuge del disponente venga nominato guardiano e che il trust sia autodichiarato ben possono giustificare la conclusione che il disponente abbia operato allo scopo di sottrarre i beni alla garanzia dei creditori, ma non valgono a provare la simulazione del trust.
È revocabile il trust autodichiarato familiare istituito dall’amministratore unico e liquidatore di una s.p.a., convenuto in giudizio di responsabilità ex art. 146 L.F. dal curatore fallimentare della società, successivamente al compimento dei fatti di mala gestio: la scientia damni in capo al disponente, requisito soggettivo richiesto in considerazione della gratuità del trust, si desume dalla circostanza che il trust ha interessato tutto il suo patrimonio immobiliare; l’eventus damni sussiste poiché è indimostrata la proprietà in capo al disponente di altri beni immobili utilmente
aggredibili dalla curatela fallimentare.

 

disponibile in area riservata
19-03-2020Corte d'Appello Milano - 12 febbraio 2020
Nel giudizio per la revocatoria del conferimento in un trust familiare sussiste la scientia damni in capo al disponente, fideiussore delle società debitrici principali nei confronti della banca creditrice agente in revocatoria, qualora questi, essendo socio ed amministratore delle società, conosca perfettamente l’esposizione debitoria delle medesime e abbia dato luogo al conferimento nel trust dell’unico bene disponibile quando il suo conto corrente presentava un saldo negativo e pochi giorni prima dell’inadempimento delle debitrici principali agli obblighi restitutori.
 
disponibile in area riservata
19-03-2020Corte Suprema di Cassazione, III sezione civile n. 3128 - 10 febbraio 2020

L’istituzione di un trust liquidatorio nel cui fondo confluisce l’intero patrimonio di una s.r.l. (cancellatasi dal registro delle imprese senza essersi previamente messa in liquidazione) e il cui atto istitutivo attribuisce al trustee il potere di cedere l’azienda e gli rimette la scelta della continuità aziendale persegue interessi meritevoli di tutela, in quanto costituisce una forma efficace ed efficiente di tutela dei creditori.
Siffatto trust realizza la cessione dell’azienda al trustee, con la conseguenza che il titolare di un credito operativo, cioè inerente all’azienda ai sensi dell’art. 2558 cod. civ., può far valere i propri diritti sul fondo in trust nei confronti del trustee

disponibile in area riservata
Altre pagine:
31-12-2020VIII Congresso Nazionale

Rimini, 22-23-24 maggio 2020 

Il Congresso, organizzato dall'Associazione 'Il trust in Italia', si svolge presso l’Hotel Savoia (Lungo Mare Augusto Murri, 13).

Per iscriversi inviare la scheda di iscrizione, compilata con tutti i dati, per posta elettronica all’indirizzo info@il-trust-in-italia.it 

Le iscrizioni si chiudono il 18 maggio 2020.

Fino al 29 febbraio p.v. sono previste quote agevolate:

la quota di partecipazione riservata ai soci dell’Associazione è di € 250,00. La quota di partecipazione per i non soci è di € 350,00 più IVA al 22% .

La quota di partecipazione comprende, oltre alla frequenza, la pennetta USB contenente i materiali appositamente prodotti per questo congresso, 2 pause caffè, 2 pause pranzo e la cena conviviale del 22 maggio presso la Locanda "I Girasoli" - Misano Adriatico (RN).

Le prenotazioni alberghiere sono gestite dall’Hotel Savoia di Rimini, secondo le modalità indicate nel modulo.

Verranno richiesti i crediti formativi per la formazione professionale continua degli Avvocati, dei Notai e dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili.

Per maggiori informazioni contattare la segreteria dell'Associazione al n. 06/8070853.

FONTI E MATERIALI »»»

Scarica la scheda di iscrizione »»»

Scarica le note informative »»»

Scarica il modulo per la prenotazione alberghiera »»»
08-04-2020Esame di ammissione Registro dei Professionisti accreditati

L’esame per l’ammissione al Registro dei Professionisti Accreditati è rinviato a data da destinarsi.

24-02-2020Fondo patrimoniale: sì alla revocatoria della casa di vacanza
Il Sole 24 Ore - lunedì 24 febbraio 2020
24-02-2020Sul trust la Corte conferma: esenti gli atti di destinazione
Il Sole 24 Ore - lunedì 24 febbraio 2020
19-02-2020Evasione fiscale con conti correnti all’estero e al Vaticano: a Brescia 22 persone in manette
Money - mercoledì 19 febbraio 2020
15-02-2020Trust, aumenta l'utilizzo sia nelle società che tra le persone
Gazzetta di Parma - sabato 15 gennaio 2020
14-02-2020Trust, difettoso il ricorso al legale rappresentante
Italia Oggi - giovedì 14 febbraio 2020
13-02-2020E' salvo il Teatro Menotti: acquistato da un trust benefico, continuerà l'attività almeno fino al 2036
Milano Today - giovedì 13 febbraio 2020
05-02-2020Banca d’Italia - 5 febbraio 2020
Disposizioni in materia di adeguata verifica della clientela e di conservazione dei dati e delle informazioni per gli operatori non finanziari iscritti nell’elenco di cui all’articolo 8 del decreto legge 25 settembre 2001 n.350
30-01-2020Dotazione del trust senza prelievo
Il Sole 24 Ore - lunedì 27 gennaio 2020
27-01-2020Titolare: tempi e regole per comunicare i dati
Il Sole 24 Ore - lunedì 27 gennaio 2020
23-01-2020Trust per l'Arte Contemporanea nella città di Bologna
Comune di Bologna, Comunicato stampa - giovedì 23 gennaio 2020
19-01-2020Trust, affidamenti e vincoli per i disabili non autosufficienti
Il Sole 24 Ore - domenica 19 gennaio 2020
24-12-2019Registro titolari effettivi in consultazione
Il Sole 24 Ore - martedì 24 dicembre 2019
14-12-2019Dal 2020 anche trust e fondazioni obbligati al pagamento di Ivie e Ivafe
Il Sole 24 Ore - sabato 14 dicembre 2019
Altre pagine: